Io e Ernest Pivano Hemingway- sul filo di un amore- Romanzo Edizioni Minerva

Posted by on gen 23, 2018 in Eventi | 0 comments

http://www.salvatoremassimofazio.it/guido-guerrera-io-e-ernest-minerva-edizioni-le-recensioni-in-librirta/

https://gennarocannavacciuolo.com/home/operette/itemlist/tag/guerrera.html

 

Read More

Recensione di Roberto Giardina su QN

Posted by on gen 23, 2018 in Eventi | 0 comments

Recensione di Roberto Giardina su QN

 

 

E´ un romanzo controcorrente, diciamo pure (fortunatamente) fuori moda, l´ultimo di Guido Guerrera. Non parla di giovani sdraiati, i rampolli dell´élite, o di tutti gli altri rassegnati, non si occupa di profughi di solito colti e saggi che ci fanno la morale, non un romanzo fantasy pallida imitazione di Tolkien o di Harry Potter, non è un giallo sociale, né un romanzo come quelli, tutti uguali come orate da allevamento, uscito dalle scuole di scrittura. Ed è un romanzo d´amore ma senza sesso, almeno tra i protagonisti. In altre parole “Io e Ernest- Pivano Hemingway sul filo di un amore”, (Minerva editore; 125 pag.; 12 euro) è un libro da gustare per chi ama il piacere della lettura. Un romanzo sulla creazione letteraria, il suo fascino, e mistero.

Guerrera è un esperto di Hemingway, di lui sa tutto, e si diverte, e ci diverte, a immaginare una storia d´amore tra l´autore di “Fiesta” e la sua traduttrice italiana Fernanda Pivano, che ha conosciuto personalmente. C´è una cartolina inviata da Ernest a Fernanda con la parola “Love” che, come si dovrebbe sapere, in inglese non vuol dire sempre “ti amo”, eppure tra lo scrittore e la Pivano ci fu un lungo rapporto amoroso per decenni, una passione di testa, uniti dai libri che uno scriveva e l´altra rendeva in italiano. Hemingway sembra facile da tradurre, invece è complicato rendere il suo ritmo passando da un inglese secco alla sonorità della nostra lingua.

Si incontrarono a Cortina e tornarono a vedersi, da New York a Venezia, a Cuba. Ernest la travolge di parole, le parla di quel che ha scritto, e di quel che avvenne realmente, e delle sue donne, avute o non avute, da Marlene all´adolescente africana che avrebbe perfino sposato. Qual è la verità? Che importa? Ernest sostiene di avere avuto una storia anche con Mata Hari, ma la spia olandese, sempre che lo fosse, era già stata fucilata dai francesi quando il giovane americano giunse in Italia per andare in guerra. Gertrude Stein disse che Hemingway sarebbe stato un grande se avesse imparato a scrivere la verità. Ma, se posso osare, Gertrude si sbagliava. Era una critica dal fiuto eccezionale e, giustamente, non scrisse mai romanzi (al contrario di alcuni odierni colleghi italiani).

Un romanziere mente sempre, innanzi tutto a se stesso. Se sapesse qual è la verità, scriverebbe solo pagine banali. Se ha talento quel che scrive è sempre vero, anche se non autentico. Come la storia che ci racconta Guerrera. Ci conduce sul fronte di “Addio alle armi” e al primo amore (rimasto di carta) con l´infermiera Agnes von Kurowsky,  alla Parigi di “Festa Mobile”, alla pesca del Merlin al largo di Cuba, a caccia di leoni e a seguire il duello tra i due toreri Ordonez e Dominguin, durante un´intera “estate pericolosa”, l´ultima opera  che non fece in tempo a finire, o non volle,  prima del suicidio nel 1961. Le pagine più poetiche, tristi e passionali sono quelle degli incontri a Venezia, tra Ernest e una Fernanda consapevole del declino del suo amato scrittore.

Read More